News ed Eventi
Le foto più belle
Matera - città dei Sassi

Matera - città dei Sassi

artigianato
Cresciuto negli antichi rioni, l'artigianato locale vanta antichissime tradizioni. I segreti del mestiere e le tecniche di lavorazione, tramandate per secoli, hanno accresciuto le virtù dell'artigiano. "Maestri d'Ascia" e “Intagliatori”, creano oggetti d'arredamento e souvenir per turisti. Tra gli oggetti tipici del luogo ricordiamo la trottola di legno, con la quale i bambini dei Sassi giocavano alla "Chiconessa", ed il fischietto in terracotta decorato con mille colori, detto "Cuccù". Il vasaio, specializzato in giare di terracotta e piatti di ceramica, utilizza il tornio a ruota lenta, messo in rotazione con un pedale per dare forma all'argilla. Tra le figure ormai dimenticate dell'artigianato locale ricordiamo lo "Sportaio", maestro nella realizzazione di cesti e panieri con canne, salici e polloni (rami non fruttiferi di olivo selvatico o di "macchia", lavorati con o senza corteccia). La raccolta delle canne avveniva per tradizione nell'ultima settimana di gennaio e con la luna piena. Si sceglievano solo le canne "femminili", ovvero quelle più sottili ed elastiche, che venivano intrecciate a mano per rivestire bottiglioni, proteggerli dagli urti e realizzare sporte e canestri. I polloni, raccolti negli ultimi tre mesi dell'anno, venivano sfogliati e tagliati a strisce sottili per essere poi intrecciati con una raggiera per dare una base e una forma. Tra gli antichi mestieri ricordiamo l’arrotino che chiamava a se i clienti al grido “ammala furc”, il maniscalco che ferrava muli e cavalli e assisteva al parto degli animali, e il “conzapiatti” che riparava piatti, brocche e ogni tipo di recipienti con un trapano di legno. La scuola della cartapesta, in ultimo, è tra le più rinomate della regione, ed esalta l'abilità degli artisti locali. Infatti, in occasione della Festa della Bruna, i maestri della cartapesta, esperti falegnami, pittori e scultori allo stesso tempo, realizzano il Carro Trionfale, un'opera che desta ammirazione e si erge a simbolo di tutti gli artigiani della città.