itinerario in puglia


 

News ed Eventi
Le foto più belle
Venosa - Incompiuta

Venosa - Incompiuta

taranto
La città di Taranto fu fondata da coloni spartani nell’VIII sec. a.C. su una penisola a cavallo tra i due mari. La sua potenza crebbe fino ad entrare in conflitto con i Romani. I Tarantini affidarono la loro difesa ad un esercito di mercenari greci guidato da Pirro, Re dell’Epiro che fu sconfitto nell’anno 272 a.C. e la città dovette arrendersi alla superiorità dei Romani. Durante le guerre puniche la città si schierò con Annibale e i Cartaginesi. Le legioni romane la saccheggiarono e deportarono a Roma i suoi abitanti. Fu abitata da Longobardi, Bizantini, Normanni, Svevi, Angioini e Aragonesi, che nell’anno 1492 ricostruirono il castello tagliando la lingua di terra che separava la città dal borgo. I tarantini non furono estranei alle lotte tra Angioni e Aragonesi per il controllo del mezzogiorno d’Italia. La città acquistò prestigio con la caduta dei Borboni e l’unità d’Italia, con l’apertura del porto militare e dell’Arsenale. nella seconda metà dell'Ottocento la città si estende oltre l’isola sulla terra ferma, vengono costruiti i cantieri navali e il ponte girevole che mette in comunicazione i due mari di Taranto, il Mar Piccolo e il Mar Grande chiuso dalle Isole Cheradi. Il centro siderurgico, petrolchimico e cantieristico navale ha segnato una nuova era per l’economia del territorio. Taranto è la capitale industriale del Sud Italia. Da visitare il Museo archeologico nazionale, con reperti dell’età preistorica e della Magna Grecia, tra i quali i prestigiosi ori di età classica, le colonne doriche del tempio di Poseidone del IV sec. a.C., il Duomo intitolato a San Cataldo e il Castello Aragonese.