News ed Eventi
Le foto più belle
Oliveto Lucano - Il Maggio

Oliveto Lucano - Il Maggio

laghi di monticchio
I laghi di Monticchio, sorgono ai piedi del monte Vulture, un vulcano spento che poggia su rocce argillose e tufacee, la cui attività si è interrotta nel pleistocene, circa 800.000 anni fa. Le eruzioni del vulcano deviarono il corso dell’Ofanto creando due laghi oggi prosciugati dalle acque, la valle di Venosa e la valle di Vitalba, nel territorio di Atella. I laghi di Monticchio occupano il cratere del vulcano spento. I due piccoli specchi d’acqua, ricchi di sali minerali, sono collegati tra loro da un piccolo ruscello mentre il lago maggiore ha poi un canale che sfocia nel fiume Ofanto. Le acque del lago più grande sono di un colore verde pallido, mentre quelle del lago minore di un colore verde più intenso. Circondano i laghi, boschi ombrosi fitti di lecci, faggi, castagni, pioppi e ontani neri. Il territorio è pressocchè collinare, le cime più alte sono il Monte Vulture (m.1326) e il Monte San Michele (m.1262). La fauna è piuttosto nutrita, con lepri, scoiattoli, volpi, tassi, donnole. Si segnalano inoltre il falco di palude, la poiana e la farfalla notturna in via di estinzione “Bramea Europea”, presente in località Grotticelle di Monticcchio nel territorio di Atella, un’area protetta a tutela di un insetto. Il vulture è coperto da boschi di castagno da frutto, da oliveti che danno un ottimo prodotto e da vigneti per la produzione del vino Aglianico DOC. Il territorio è inoltre ricco di sorgenti di acque minerali che alimentano numerosi stabilimenti di imbottigliamento.